Skip to content

Brenda e la schiavitù

21 novembre 2009

Ha ragione Valeria Viganò sull’Unità, lo scantinato di Brenda racconta un’emarginazione esistenziale:

«Vivere in uno scantinato di 10 metri quadri, e cercare di mantenere la tua dignità in schiaffo a chi per te prova schifo, alla luce del sole, e attrazione sfogo morboso nel buio, a chi ti calpesta apertamente e a chi usufruisce di te di nascosto: questa è l’esistenza della maggior parte delle trans che danno maschio e femmina insieme».

E ha ancora più ragione Sandro Medici sul manifesto. Brenda apparteneva a quella parte della società italiana schiavizzata da un’altra parte della società italiana.

«Sono loro gli oggetti dei nostri desideri, le persone che andiamo a cercare per la strada o al chiuso degli “studi”. Ne abbiamo bisogno. Noi siamo la domanda, loro l’offerta. Esattamente come succede con le badanti, con i muratori, con i braccianti e perfino con i lavavetri ai semafori. Senza di essi, l’industria, le campagne, i servizi si fermerebbero. Ci servono. Sono ormai indispensabili per mandare avanti questo paese. E anche per il nostro intrattenimento sessuale, per coltivare il nostro immaginario erotico, che, come ben sappiamo, difficilmente accetta confini. Forse il razzismo nasce proprio qui».

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: