Skip to content

Nel lungo periodo

8 dicembre 2009

Questa è la notizia più spaventosa di oggi.

Update: preceduto qualche anno fa dallo sconvolgente rapporto Unla, coordinato anche dall’ottimo De Mauro. 36 milioni di analfabeti spiegano tutto.

Annunci
3 commenti leave one →
  1. 8 dicembre 2009 14:05

    questo è uno dei disastri più grossi con i quali abbiamno a che fare. e ignorato dai più. non riguarda, purtroppo, solo la grammatica, ma anche, e soprattutto, il sapere scientifico e il pensiero razionale. è chiaro che ai politici fa comodo: gli ignoranti si governano meglio (e si abbindolano meglio). come diceva tempo fa Nicola Garatteri, pm antimafia: “chiunque sia al potere, di destra o di sinistra, non vuole un sistema
    giudiziario fortre e una scuola che funzioni… una scuola che funzioni
    vuol dire avere gente pensante che non può assuefarsi a certe
    situazioni”.
    quello che i più ignorano, però, ed è la questione più grave, è che ci vorranno generazioni per recuperare queste competenze perdute. gli ignoranti di oggi insegneranno ai fanciulli di domani, rendendoli ancora più ignoranti. e ne usciremo a fatica fra molto tempo.
    e tutto questo è già successo: basta leggere: “La rivoluzione dimenticata” di Lucio Russo.

  2. Giuliana Giusti permalink
    8 dicembre 2009 23:20

    L’articolo che parla del rapporto UNLA non cita analfabetismo all’università. Cita infatti dati che riportano statistiche sui titoli di studio in Italia (ovviamente spaventose, ma che non riguardano il supposto analfabetismo dei laureandi).
    Come si misura la conoscenza della grammatica e della sintassi? Da sintatticista (è il mio lavoro, insegno linguistica ma mi occupo di sintassi comparata) trovo che la maggior parte delle grammatiche pubblicate in Italia sono siano [NdR] imprecise, mediocri, spesso errate, sicuramente brutte copie di grammatiche ottocentesche. Come se un testo di geografia astronomica ci dicesse che forse la terra è piatta.
    Su queste grammatiche si fonda l’istruzione che insegnanti seri danno ai nostri studenti (più o meno seri). Se la conoscenza della sintassi si misura sulla cosiddetta analisi logica (che di logico ha ben poco), allora non mi preoccuperei troppo… meglio ignorare che imparare nozioni sbagliate.

  3. 9 dicembre 2009 00:14

    @Giuliana
    Ovviamente hai ragione, la notizia di Repubblica parla di analfabetismo all’università e il rapporto Unla di analfabetismo in Italia, ma i due dati mi sembrano abbastanza collegati tra loro da citarli come diverse prospettive sullo stesso fenomeno.
    Quello che dici a proposito delle grammatiche italiane è terribile… ma adesso voglio i nomi! Si può?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: