Skip to content

La donna-tangente

12 febbraio 2010

Gad Lerner, su Repubblica.it

“LA DONNA-tangente pare ormai assunta come merce di scambio ordinaria fra i puttanieri della nuova classe dirigente italiana. Costa relativamente poco, cementa solidarietà indicibile ovvero complicità omertosa, come e più di qualsiasi altro pagamento in nero. Il regalo sessuale lubrifica il sistema affaristico fin dentro i palazzi del governo, e pazienza se rende incivile anche la Protezione civile: funziona perché corrompe. Lo spregiudicato costruttore romano Diego Anemone che offre graziosamente a Guido Bertolaso le prestazioni della brasiliana Monica e le “ripassatine” di Francesca, in attesa della festa “megagalattica” al Centro benessere Salaria Sport Village con due o tre ragazze, mi raccomando, “di qualità”, si è procacciato appalti lucrosi con lo stesso metodo reso celebre dall´imprenditore della sanità barese Gianpaolo Tarantini. Resta da chiedersi quanti sono in Italia i prosseneti alla Anemone o alla Tarantini, capitani d´impresa non ancora quarantenni tanto abili nel saziare gli appetiti erotici della Seconda Repubblica. Intervistata dal “Financial Times”, l´estate scorsa Patrizia D´Addario spiegava che questo genere di scambi tra uomini politici e cacciatori d´appalti è prassi ordinaria. Da Tangentopoli a Puttanopoli. Ma anche nel settore privato dilaga la stessa usanza: a Milano è risaputo che certe cene d´affari con clienti stranieri vengono suggellate dall´ingresso finale a sorpresa delle signorine-cadeau. L´esempio, come sempre, viene dall´alto. E poco importa che il Capo supremo possa disporre di una rete di fornitori così servizievoli da concedergli pure l´illusione della conquista gratuita: il maschio di potere si compiace di pensare che le donne lo desiderino per quel che è, non solo per quel che sperano di ricavarne. Ora sappiamo che la sintonia fra B&B era cementata da una consuetudine di uomini maturi che si strizzano l´occhio l´un l´altro, come del resto già testimoniato dalla serata a Palazzo Grazioli del 2 dicembre 2008 in compagnia di Gianpaolo Tarantini e delle sue girls. Sarà senz´altro una coincidenza se un uomo assai vicino a Bertolaso ha di recente rilevato la Tecnohospital di Tarantini, in grave perdita. Rifiutiamo anche solo di pensare che un tale business sia stato corroborato da attenzioni intime. Vale di più riflettere sulla postura di questo potere maschile, e sugli effetti sociali che ne derivano. Gli “uomini del fare”, che operano per “il bene del paese”, hanno dunque in comune pure un´idea usa e getta dell´amore. È del resto un´idea ben comunicata dalla pornografia televisiva imperante, prima ancora che dal repertorio dei discorsi pubblici del premier. Il corpo della donna plastificato e ridotto a ornamento ebete, con una ripetitività che ne abbatte la stessa carica erotica, altro non è che lo specchio di una misoginia perpetuata nella concezione della famiglia, nei luoghi di lavoro, nelle carriere politiche. Fior di studiosi hanno quantificato il danno economico, oltre che il ritardo culturale inflitto così alla società italiana. Ora sappiamo che non si tratta solo di arretratezza. La creatività dei puttanieri all´italiana ha escogitato una vera e propria scommessa imprenditoriale: le donne si regalano come bustarelle in carne e ossa per entrare nel giro che conta. Conosco l´obiezione secondo cui non c´è niente di nuovo sotto il sole, si tratterebbe di un malcostume antico. Ma quando mai, in democrazia, s´è dovuto fare i conti come oggi con quel particolare tipo di consorteria rappresentato dal vincolo indecoroso, tant´è che bisogna tenerlo segreto pure alle rispettive famiglie, della scorribanda da casino? Ci sono patti fra compari che assumono ben altra portata quando coinvolgono i responsabili di settori delicatissimi delle istituzioni. L´omertà alimenta il mercato dei favoritismi e dei ricatti. Cominciamo finalmente a rendercene conto? E poi c´è l´immagine che trasmette di sé il potere maschile, da quando i sorrisi di facciata non bastano più a mascherarne l´arroganza e l´inadeguatezza culturale. Si arrabatta nel sostenere che tutta l´Italia sia a misura di puttanieri, o vorrebbe esserlo. Come se in questo paese non fossero già praticabili una relazione uomo-donna e una sessualità più mature, soddisfacenti, dignitose, paritarie. Sentiremo ancora la rituale litania contro le intercettazioni telefoniche e il gossip, nel tentativo di liquidare la compravendita dei corpi alla stregua di un hobby rilassante. Ma il degrado è ormai così manifesto da rendere anacronistica tale invettiva. Cresce infatti la percezione che i comportamenti personali di chi occupa cariche istituzionali hanno rilevanza pubblica e ripercussioni profonde sulla nostra civiltà. Per usare il linguaggio di Berlusconi: chi sputtana l´Italia?”

Advertisements
4 commenti leave one →
  1. 13 febbraio 2010 01:20

    Il premier albanese Sali Berisha: «Non voglio flussi criminali verso l’Italia e non voglio che gli albanesi muoiano in mare». Il premier italiano Silvio Berlusconi: «Una moratoria sugli sbarchi? Facciamo un’eccezione per qualche bella ragazza…» Palazzo Chigi, 12 febbraio 2010
    (dalla striscia rossa sull’unità di oggi)
    c’è altro da dire?
    ma possiamo mandarli tutti in esilio?
    poi predicano sulla famiglia mulinobianca…

  2. antigonexxx permalink*
    13 febbraio 2010 10:30

    visto che l’appoggio della maggioranza degli italiani non è venuto meno nonostante tutte le battute di infimo livello che sforna quotidianamente, credo che adesso Berlusconi si senta ancor più legittimato a continuare su questa strada. Non riesco davvero a capire…è implicato in una serie infinita di questioni illecite….tra mafia, prostituzione, corruzione…e si permette pure di fare il buffone…

  3. 13 febbraio 2010 14:15

    tra le tante cose che mi domando, ce n’è una che mi preoccupa molto, dato che sono un’insegnante: che specie di esempio diamo ai giovani, a chi sta crescendo e dovrebbe imparare, dagli esempi degli adulti, quali sono i comportamenti corretti?

  4. antigonexxx permalink*
    13 febbraio 2010 14:57

    credo anch’io che il danno più grande che stanno causando sia proprio quello che si rivolge alle future generazioni, a quella che sarà l’Italia di domani. Prima o poi Berlusconi & Friends, nonchè tutta questa classe politica fatta di piccoli e grandi corruttori, di persone che vedono la politica come spazio in cui perseguire i propri interessi personali, tutti costoro prima o poi moriranno, ma la loro morte non basterà a risollevare questo paese. Avranno lasciato indietro non solo un’Italia da ricostruire, un cumulo di macerie fatto di danni economici, morali, culturali etc.,ma un “popolo” incapace di farlo. Qui il post su un articolo di Carlo Galli che parla proprio di questo:
    https://femminileplurale.wordpress.com/2009/12/16/berlusconi-teorico-dellarrangiarsi/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: