Skip to content

La quota blu – Specnaz

1 giugno 2010

Garantismo preterintenzionale

Dopo gli ultimi feroci agguati squadristi ai danni di omosessuali da parte di frange dell’estrema destra, apro una riflessione circa il luogo comune che intende l’omofobia, a fortiori nelle sue manifestazioni più cruente, quale sintomo di un’omosessualità latente e repressa.

Un’omosessualità latente e repressa non è la causa scatenante di alcuna violenza omofoba. Sotto l’egida dell’omofobia si presenta solo la pretestuosa occasione di esercitare violenza gratuita con tanta maggiore impunità quanto più questi atti siano diretti contro soggetti socialmente deboli, nella cui debolezza sociale si riflette il pregiudizio di un’opinione pubblica il cui silenzio suona come l’avallo a una malcelata tolleranza verso tali atti.

Né ci sono prove a conferma del fatto che un esponente dell’estrema destra omofoba sia ipso facto un omosessuale represso, né tanto meno è legittimo affermare che un omosessuale represso sia ipso facto uno squadrista. Questo non esclude certo che alcuni omosessuali repressi possano essere omofobi, ma non mi pare ci siano prove a suffragio di una maggiore incidenza di tale fenomeno nei movimenti di estrema destra rispetto a qualsiasi altro contenitore sociale.

L’argomento dell’omosessualità latente e repressa è una congettura da salotto che rivela la sua pericolosità nello spiegare e comprendere questi comportamenti quali reazioni a una supposta e ben precisa sofferenza psico-emotiva, nella visione poi di una tendenza naturale (involontaria) dei conseguenti atti (reazioni) di un individuo, rischiando quasi di fare del carnefice il soggetto debole, la vittima, piuttosto che porlo di fronte alle proprie azioni in quanto atti della cui piena responsabilità deve rispondere. Atti come aggressioni squadriste contro soggetti inermi non hanno alcuna giustificazione né danno luogo ad alcuna possibile comprensione, cosa che la tesi dell’omosessualità latente e repressa in qualche modo, paradossalmente, rischia di restituire loro.

La differenza specifica di un fascista, in generale, è solo la ricerca della vittima più comoda per sfogare la propria violenza, poiché un fascista è semplicemente violento essentia sua, ed è con questa condizione che bisogna misurarsi. Punto.

C’è una contraddizione di fondo che caratterizza ogni ideologia di destra e che ogni aderente ad essa, sia moderato che estremo, si trova a dover affrontare. Un socialista o un comunista sono tali perché sentono intrinsecamente giusto e morale esserlo. Quanti di voi e quante volte, alla domanda «perché sei di destra?», si sono sentiti rispondere col ritornello sui comunisti che sono così e colà, gli stranieri che vengono a rubarci il lavoro, ecc.? L’imbarazzo è di chi si trova a dover giustificare moralmente una Weltanschauung che pone a priori la legittimità della ricerca spasmodica dell’interesse e del vantaggio materiale e personale a scapito di quelli degli altri, Weltanschauung la quale, seppur certo con una predominanza sull’aspetto socio-economico, pervade poi ogni ambito della vita sociale.

È qui che, a mio modo di vedere, il dogmatismo ideologico-religioso esercita massimamente la sua azione di anestetico, non tanto quale oppio dei popoli di marxista memoria, ma, più subdolamente, nella spontaneità di una personale adesione dogmatica e irrazionale ai suoi valori (Dio, patria e famiglia) quale unico salvacondotto “morale”.

Le contraddizioni che si palesano nell’”imbarazzo” del moderato di destra esplodono e si sublimano, poi, nella violenza del fascista.

Questo amalgama acefalo di individui abbisogna di continuo foraggio per poter sostenere di fronte a sé l’assoluta inconsistenza e contraddittorietà dei valori cui afferma di far capo, e la violenza squadrista è, come detto, la sublimazione di tale coacervo di contraddizioni, espressione della debolezza umana di questi individui incapaci di autodeterminazione, morale e sociale, che non rientri nella logica del branco e nella comoda obbedienza cieca all’autorità. Non amo in modo particolare le congetture hegelianizzanti, tuttavia è innegabile come essi non siano in grado di autodeterminarsi se non sulla falsariga di una necessaria negazione del diverso. Anticapitalisti, antimperialisti, contro le coppie di fatto, antiabortisti e poi, immancabilmente Dio, patria e famiglia. Ed ecco autogenerarsi l’odio per il diverso in genere e, di conseguenza, quel piacere della violenza verso il “diverso” più debole, e quindi più attaccabile, che si rivela come la concreta espressione del loro intimo essere.

Un omosessuale represso non genera un fascista, né, tanto meno, l’omosessualità repressa spiega il possibile senso della violenza omofoba. Il garantismo in favore di tali soggetti, a volte preterintenzionale, come in questo caso, è l’espressione di una pusillanimità borghese che si troverà, di questo passo, prima o poi, ancora una volta, a rispondere della sua “tolleranza”, di fronte a una storia che ha già insegnato sull’argomento tutto ciò che poteva insegnare.

Che tutto quello che è stato scritto non suoni quindi come l’apologia del povero e insicuro fascista, perché la comoda spavalderia di un vigliacco non merita né comprensione né compassione né pietà. Mai.

Non sono malati né psicologicamente disturbati: sono fascisti.

Bookmark and Share

Advertisements
5 commenti leave one →
  1. paola permalink
    1 giugno 2010 15:25

    Sottoscrivo

  2. Omofiliaco permalink
    2 giugno 2010 18:14

    La tua è un’analisi lucida e non mi sento davvero di aggiungere nulla. Essendo io una persona educata da un uomo di legge, non posso che sottoscrivere in toto: la responsabilità giuridica del singolo, o del branco – l’orrenda bestia policefala (per rubare un’espressione al grandissimo Giacomino Lauri – Volpi, che di professione faceva il tenore negli anni Venti del secolo scorso, ma era incline a utilizzare la testa non solo come cassa armonica) – non può in nessun modo essere diminuita quando non addirittura azzerata da fantasiose diagnosi psicologiche. Il reato resta, evidente, brutale, indifendibile e giustamente sanzionabile. Il resto è solo aria fritta e rifritta. Grazie di aver scritto questo post. E complimenti per il titolo: “Garantismo preterintenzionale”…il mio babbo avrebbe apprezzato tantissimo.

    • specnaz permalink
      2 giugno 2010 20:48

      Approfitto, nel ringraziarti sinceramente per tue parole e per l’attenzione che hai dedicato alle mie, per chiederti (e evidentemente lo chiedo a chiunque stia leggendo questa replica) se anche tu non sia rimasto più o meno colpito dal fatto che una contestazione così critica rispetto a un luogo comune talmente generalizzato non abbia sollevato alcun vespaio, come ultimamente è successo nel caso di altri post con altri temi (mi riferisco, ad esempio, alla saga infinita di “darla o non darla” ).

      Del resto, ti dirò, al di là del tema specifico, mi aspettavo almeno una qualche risposta particolarmente muscolare in merito allo spunto di riflessione (sottaciuto, ma neanche tanto, all’argomento critico in riferimento all’ “amoralità congenita” propria di ogni ideologia politico-socio-economica riconducibile a “destra”) che lasciava intendere l’evidente improduttività di un qualsiasi dialogo con interlocutori i cui argomenti siano assunti e dogmaticamente giustificati “per fidem” (e non intendo solo quella di carattere squisitamente religioso) data appunto la loro constatata inconsistenza argomentativa incapace di andare al di là del mero slogan propagandistico. Quella violenza intrinseca del fascista, mutatis mutandis, non mi pare poi così diversa da quella, non solo verbale, che caratterizza immancabilmente, per esempio, le azioni o reazioni antiabortiste.
      Ma magari il prossimo post sarà più esplicito in questi termini, intanto est quadam prodire tenus, si non datur ultra.

      • Omofiliaco permalink
        2 giugno 2010 21:43

        Temo che il motivo sia semplicemente questo: la tua contestazione richiede un po’ di tempo in più per argomentare. Soprattutto se si intende controbattere alle tue affermazioni. Con ciò non intendo affatto sminuire il contenuto del post “Darla o non darla” (forse sminuirei alcuni interventi ma, d’altra parte, si ridicolizzano da sé). Il problema che tu sollevi è invece a monte, strutturale. Costituisce la causa dei comportamenti e l’indagine, la demolizione o la difesa delle cause prime è sempre più difficile, laboriosa, complessa. Chissà, probabilmente qualcuno si sta solo prendendo il tempo per poter smontare la tua posizione pezzo per pezzo (ti confesso che non ci credo molto, però non si sa mai) e così potrai avere la soddisfazione, e io con te, di scoprire come coloro che si riconoscono nella destra che ci governa sono capaci di difendere le proprie posizioni. Sono davvero curioso.
        Nell’attesa, ti allego il seguente link: una lunga intervista che per certi versi tocca argomenti affini ai tuoi; distribuisce sorprendenti ma interessanti responsabilità per lo sfascio attuale; insomma, offre motivi di riflessione in abbondanza.

        http://temi.repubblica.it/micromega-online/di-molti-ma-non-di-tutti-i-diritti-come-patrimonio-etnico-intervista-a-nadia-urbinati/

  3. specnaz permalink
    3 giugno 2010 21:32

    Grazie per l’intervista che hai linkato, l’ho letta con molto interesse e concordo con l’opinione che ne davi in merito ai parecchi spunti critici di riflessione che da essa si traggono

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: