Skip to content

diseducational channel

27 novembre 2010

Sugli scafisti dall’Albania: «Faremo un’eccezione per chi porta belle ragazze».

Sul caso Ruby: «Meglio appassionato di belle ragazze che gay».

Sugli sturpi: «Evitarli? Servirebbero tanti soldati quante belle donne».

A una precaria: «Da padre il consiglio che le do è quello di ricercarsi il figlio di Berlusconi o di qualcun altro che non avesse di questi problemi. Con il sorriso che ha potrebbe anche permetterselo».

Agli studenti universitari: «Potrei consigliare loro di utilizzare il loro tempo per fare la corte alle belle ragazze».

A me pare possibile che le dichiarazioni di un primo ministro abbiano qualche effetto sul comune sentire. Azzardando una previsione sul risultato di questa diseducazione sessuale di massa a reti unificate, nei prossimi anni avremo uomini di destra insigniti del titolo del consumatore-edonista, che vedranno la donna come oggetto di consumo, gadget di piacere e status symbol della posizione sociale, e poi avremo uomini di sinistra incastrati nel loro tipo misogino-incazzato, che vedranno la donna come oggetto di consumo degli uomini di destra, prototipo dell’ochina stupida, dell’arrampicatrice sociale o della naturale traditrice delle giuste cause.

Advertisements
3 commenti leave one →
  1. arkadijkirsanov permalink
    27 novembre 2010 19:53

    Diseducational channel, dici bene: la cosa più inquietante in tutto ciò è la “propedeutica a Berlusconi” che ci siamo trangugiati dagli anni ’80 in poi. Come? Ecco cosa scriveva qualcuno, che ci vedeva lungo, già nel 1973:

    “La responsabilità della televisione, in tutto questo, è enorme. (…) Essa non è soltanto un luogo attraverso cui passano i messaggi, ma è un centro elaboratore di messaggi. È il luogo dove si concreta una mentalità che altrimenti non si saprebbe dove collocare. (…) Non c’è dubbio (lo si vede dai risultati) che la televisione sia autoritaria e repressiva come mai nessun mezzo di informazione al mondo. Il giornale fascista e le scritte sui cascinali di slogan mussoliniani fanno ridere: come (con dolore) l’aratro rispetto a un trattore. (…) Il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e di informazione (specie, appunto, la televisione), non ha solo scalfito l’anima del popolo italiano, ma l’ha lacerata, violata, bruttata per sempre.”

    Guess who!

  2. paola permalink
    28 novembre 2010 00:46

    E non sapeva che cosa sarebbe venuto dopo, temo che non profetasse per il futuro inciucio culturale mediaset/rai, ma per il modesto e ancora decoroso panorama rai degli anni ’70, che oggi rimpiangiamo, pensa un po’!!!!!!

  3. 28 novembre 2010 10:19

    Pasolini vero? Diceva anche: “Nel momento in cui qualcuno ci ascolta nel video ha verso di noi un rapporto da inferiore a superiore, che è un rapporto spaventosamente antidemocratico”.
    Su Internazionale di questa settimana, n. 874, Newsweek dice che Berlusconi controlla il 95% della televisione italiana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: