Skip to content

Capitalismo e violenza

9 marzo 2011

Ieri, in occasione della festa dell’8 marzo, il presidente Napolitano, ha sottolineato, come riportato da Repubblica, come il modello consumistico riduca troppo spesso la donna da soggetto a oggetto: è un’immagine che può  favorire comportamenti aggressivi, anche molto gravi, e che va respinta senza mezzi termini.
Il fatto che la violenza sulle donne sia collegata all’immagine della donna come oggetto è cosa nota. Alcuni giorni fa, sulla sezione di Bologna di Repubblica è stato pubblicato un articolo nel quale si parlava della presentazione a Bologna di una ricerca sul femminicidio in Italia. I ricercatori hanno sottolineato come le ragioni della violenza vadano ricercate nel pensare la donna «quale oggetto di proprietà, privandola violentemente di uno spazio decisionale, individuale ed attivo».

Nella ricerca si mostrava ancora come «Siano quasi il 7% in più le donne che nel corso del 2010 hanno perso la vita per violenze che, nella stragrande maggioranza dei casi, hanno per autori i mariti (22%), i compagni e conviventi (9%) o ex (23%), ma anche figli (11%) e padri (2%): tutti uomini, insomma, con i quali le vittime avevano una relazione molto stretta. La maggior parte di loro, dice ancora la ricerca, che verrà presentata martedì prossimo, sono donne italiane (78%), così come la maggior parte degli uomini che le hanno uccise (79%). I motivi del gesto sono i più svariati. Spicca un’ incapacità di accettare le separazioni (19%), gelosie (10%) e conflittualità (12%)».

Il legame tra pubblicità sessiste e violenza non è quindi un’idea campata in aria, un’invenzione di noi femministe. Anzi, entrambe si costruiscono a partire dalla stessa idea di donna. Queste pubblicità sono quindi conniventi con la violenza, la incentivano, la appoggiano, la fanno sembrare giustificata e giusta. Se un’immagine me la sbattono in prima pagina, vuol dire che tanto negativa non è.

Bene. Fin qui ci siamo. Napolitano però ci dice un’altra cosa. È il modello consumistico che spesso riduce la donna da soggetto a oggetto. E quando si dice consumismo si dice capitalismo. Quindi, facendo un breve ragionamento logico, il capitalismo crea il consumismo, che produce un’immagine della donna come oggetto, strumento di giustificazione nei confronti della violenza di genere. Il capitalismo è all’origine della violenza. Se ciò di certo non ci stupisce quando pensiamo alle fasce più povere della popolazione, agli immigrati, agli sfruttati,a gli schiavi di ieri e di oggi, certo ci fa riflettere per ciò che pertiene alla donna. Non ci avevo mai pensato. Anche questa violenza, molto più nascosta, meno esteriorizzata, celata tra le pagine di giornali patinati, anche questa interiorizzazione di modelli di violenza di genere,  anche questo è capitalismo. La sua opera sociale è sempre un movimento incessante di discriminazione, sia essa tra ricchi e poveri, tra nord e sud, tra est e ovest, e, ebbene sì, anche tra donne e uomini. La discriminazione produce profitto.

Annunci
36 commenti leave one →
  1. Paolo1984 permalink
    9 marzo 2011 13:11

    La violenza contro le donne c’era pure prima del capitalismo..in realtà le cose sono più complesse. Il capitalismo moderno è figlio della rivoluzione industriale che ha permesso a tante donne delle classi sociali più povere di lavorare fuori casa e guadagnare soldi quindi un abbozzo di indipendenza economica..certo lavoravano, come gli uomini del resto, in condizioni infami però lavoravano….e dalla rivoluzione industriale è nato lo sfruttamento capitalistico, ma è nato pure il movimento operaio, e anche il movimento di emancipazione femminile che in parte si inserisce anche nel movimento operaio. Tra l’altro la giornata internazionale della donna che si celebra l’otto marzo nasce proprio dentro il movimento operaio e l’internazionale socialista (nasce come festa politica, di sinistra, anche se oggi si fa finta di ignorarlo per non escludere le donne apolitiche o di destra).
    Insomma la modernità ci ha dato il capitalismo, ma anche le lotte di emancipazione sociale.

    • antigonexxx permalink*
      9 marzo 2011 15:16

      Francamente non credo proprio che sia “grazie” al capitalismo che sono nati i movimenti di emancipazione, che prima non c’erano. Non è che forse il capitalismo ha dato il via ad un tipo di sfruttamento tale che la ribellione era l’unico modo per sopravvivere dignitosamente? non è grazie al capitalismo, ma “per colpa” del capitalismo che si sono resi NECESSARI dei movimenti di emncipazione.
      Inoltre, non credo sia molto fruttuoso dire che lo sfruttamento nei confronti della donna sia sempre stato “uguale”, che sia possibile paragonare l’asservimento precedente al capitalismo a quello successivo.Troppo facile. Ma soprattutto poco veritiero. Dal capitalismo in poi i rapporti sociali sono cambiati, il liberalismo ha portato con sè un’idea di famiglia, e di donna, che prima non c’era…

      • Paolo1984 permalink
        9 marzo 2011 15:51

        Infatti è dalla modernità (che inizia più o meno nel Rinascimento) che viene il capitalismo e anche la critica al capitalismo.
        Poi che la rivoluzione industriale abbia permesso alle donne dei ceti poveri di uscire dalle mura domestiche e lavorare, sia pure alle condizioni di sfruttamento che sappiamo, e che questo sia stato l’avvio di un percorso di emancipazione dai ruoli tradizionali..mi pare indubbio.

        • antigonexxx permalink*
          9 marzo 2011 16:07

          eh invece per me questa cosa non è proprio limpida come la descrivi tu. Non sono per nulla d’accordo nel dire : ah che bello c’è il capitalismo, ringraziamolo ché è grazie a lui che è nata l’emancipazione! Il capitalismo ha dato alle donne delle classi povere il peso di un doppio asservimento: quello nella casa e quello del lavoro. Altro che libertà. Non capisco comunque cosa intendevi dire con questa risposta al mio commento….l’origine del capitalismo sta nel Rinascimento??

        • Paolo1984 permalink
          9 marzo 2011 16:34

          No, l’origine della modernità sta (secondo me) nell’Europa rinnascimentale quindi prima del capitalismo..comunque qua non si tratta di “ringraziare” il capitalismo, si tratta di riconoscere che la rivoluzione industriale ha permesso a molte donne di lavorare fuori casa e portare a casa uno stipendio (ben misero e in condizioni infami e ingiuste come quelle degli operai maschi, certo), e tutto questo avveniva, per la prima volta! La donna dei ceti popolari iniziava lentamente a non essere più solo “angelo del focolare” . Ciò ha dato inizio ad una presa di coscienza dei propri diritti, ovviamente i processi storici sono sempre lenti, e mai lineari, la rivoluzione industriale va interconnessa con l’illuminismo, il 1789, il movimento operaio (in cui anche le donne avevano voce, l’otto marzo ha le origini politiche che ho spiegato)

  2. Paolo1984 permalink
    9 marzo 2011 14:30

    Va detto che i movimenti di emancipazione, il liberalismo e il socialismo sono anche se non sopratutto figli dell’illuminismo e della rivoluzione francese…comunque della modernità

    • antigonexxx permalink*
      9 marzo 2011 15:20

      Dal punto di vista dell’analisi storico-politica i fatti non stanno proprio così (di solito si fa risalire il pensiero liberale a Thomas Hobbes, ovvero al ‘600, ben prima della Rivoluzione, e neanche il socialismo lo collegherei così fortemente alla rivoluzione francese, visto che si è sviluppato come contrapposizione al liberalismo, siamo quindi già più avanti). Non per fare la maestrina però 😉

      • Paolo1984 permalink
        9 marzo 2011 16:03

        Mi limito solo ad affermare che la violenza contro le donne esiste anche in società dove quel genere di pubblicità sono proibite dalla morale religiosa dominante.

      • Paolo1984 permalink
        9 marzo 2011 16:21

        E comunque più che Hobbes come precursore del liberalismo moderno prenderei Locke…ma volendo possiamo risalire fino alla proclamazione della Magna cartha nel medioevo, primo documento che pone dei limiti al potere assoluto del re (d’Inghilterra in questo caso).
        Ma credo che niente più della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789 esprima con chiarezza quelli che sono tutt’ora i cardini del pensiero liberale. Quanto al socialismo moderno, difficilmente avrebbe visto la luce senza l’illuminismo radicale, e le correnti più “progressiste” della rivoluzione francese (quelle che stavano a sinistra dei giacobini).
        Ricordo inoltre che fu proprio la Costituzione giacobina del 1793 a parlare di diritti sociali oltre che civili, assistenza agli indigenti, diritto all’istruzione e suffragio universale, certo la proprietà privata non era messa in discussione (ma c’erano correnti radicali, per l’appunto a sinistra dei giacobini, che volevano abolirla) e il suffragio universale era solo maschile (i diritti delle donne furono ignorati nella rivoluzione francese nonostante l’impegno di Olympe De Gouges), ma prima non c’era neanche quello.
        Furono inoltre i giacobini i primi ad abolire lo schiavismo nel 1794 (ripristinato da Napoleone nel 1802, ma non era più la Francia giacobina).
        Insomma pure se Marx lo criticava, senza illuminismo e senza rivoluzione francese non ci sarebbe stato socialismo, e pure niente femminismo…il 1789 è l’anno di svolta per l’Europa, c’è poco da discutere.
        Per maggiori informazioni qui potete trovare molte cose interessanti:
        http://www.robespierre.it/rivoluz_dich_dir.htm

        http://www.robespierre.it/cost_rep.htm

        http://www.robespierre.it/rivoluz_cost_rep.htm

        • antigonexxx permalink*
          9 marzo 2011 16:42

          Dire che Hobbes sia il precursore del liberalismo non è frutto di una mia scelta personale del tipo: ok per me è hobbes, e per te chi?..cioè ci sono studi sull’argomento che lo dimostrano…non me lo sono inventata io così tanto per…
          che i principi del liberalismo sino quelli contenuti nella dichiarazione dei diritti dell’uomo mi sembra francamente una cosa che non sta in piedi da nessun punto di vista, nè storico, nè filosofico. Riguardo al socialismo, beh potremmo trovare pensieri che in senso lato possono definirsi tali, ovunque. Ma in senso specifico il socialismo è un pensiero storicamente determinato. Nasce col capitalismo e in opposizione ad esso. I suoi concetti si fondano e si costruiscono su quella opposizione. Slegarlo dal contesto storico vuol dire non comprenderne il senso politico. Ecco il tuo discorso mi sembra un po’ troppo generico, poco centrato sul punto…poni una linea diretta e unica, priva di cesure, tra illuminismo, rivoluzione, capitalismo, socialismo, femminismo. troppo facile, ma soprattutto poco proficuo.

        • Paolo1984 permalink
          9 marzo 2011 16:56

          Ho già detto che i processi storici non sono mai lineari e univoci…il rapporto “causa-effetto” non è mai unidirezionale e non è prevedibile o determinato rigidamente
          Tuttavia immaginare il movimento operaio (in cui c’erano pure le donne) e l’emancipazione femminile senza prima la rivoluzione industriale e sopratutto il 1789 con l’abbattimento della società feudale e la codificazione di una serie di diritti mi sembra difficile, poi può darsi che si sarebbero sviluppati ugualmente, in maniera diversa, se vogliamo giocare al “cosa sarebbe successo se..” facciamo pure.
          A me sembra che il mio pensiero sia chiaro.

        • Paolo1984 permalink
          9 marzo 2011 17:03

          Poi che lo sfruttamento capitalistico abbia generato il movimento operaio è vero , ma al contempo il pensiero marxista (che ha permesso agli operai di prendere coscienza del loro sfruttamento) senza il razionalismo illuminista mi sembra difficilmente immaginabile.-ciò non toglie che avrebbe potuto svilupparsi in maniera diversa..non lo sapremo mai

  3. paola permalink
    9 marzo 2011 14:35

    Ebbravo Paolo 1984, dai, lo dico senza nessuna ironia, così mi hai risparmiata l’antipatico ruolo di maestrina che impartisce le sue lezioncine, ih ih ih… Invece vorrei aggiungere: sì Antigone, è sorprendente e confortante che un Presidente (questa volta la maiuscola gli spetta) della Repubblica (anche qui) esprima concetti che fino ad oggi sono stati monopolio delle donne consapevoli, e lo faccia con quasi le stesse parole che avrebbero usato loro. Non a caso il Presidente in questione si chiama Giorgio Napolitano ed ha alle spalle la storia personale e politica che ha. Bene, al di fuori delle nostre reti, almeno un’istituzione pubblica ci ascolta, e che sia la più alta dell’organismo politico italiano è motivo, appunto, di conforto, in mezzo al ripugnante squallore che sembra pervadere la società italiana.
    Per il rapporto capitalismo-consumismo-sfruttamento/violenza verso le donne, be’, posso solo aggiungere che prima del capitalismo moderno lo stesso rapporto di sfruttamento/violenza si configurava in altri modi in altre società caratterizzate da un altro assetto economico-sociale: nelle società, per esempio, del nostro medioevo feudale, oppure nelle società che si sono sviluppate in varie configurazioni nella nostra antichità europeo-mediterraneo-vicino orientale. E lasciamo stare i paesi del cd. “socialismo reale”, dove per lo più l’emancipazione lavorativa si risolveva nel doppio ruolo, lavorativo fuori, domestico dentro. Non sto dicendo una novità, se pensiamo che l’autore de “Il capitale. Critica dell’economia politica”, aveva affermato senza mezzi termini che il primo atto di asservimento di un gruppo umano sull’altro era stato l’asservimento dele donne da parte degli uomini. A proposito, il Presidente è un economista.

    • antigonexxx permalink*
      9 marzo 2011 15:25

      Il punto del post era in realtà questo: il rendere la donna un oggetto fa gioco al capitalismo, per via della violenza che innesca. Le pubblicità sessiste ne sono l’esempio lampante: il loro ruolo nel legittimare la violenza diffonde l’immagine di un asservimento funzionale alle logiche del profitto, ai meccanismi di discriminazione. Ma forse non sono stata sufficientemente chiara…

  4. 9 marzo 2011 15:59

    il capitalismo causa violenza? considera la donna e non solo come un oggetto o una merce?
    be allora basta eliminare il capitalismo no!? …chi inizia?

  5. 9 marzo 2011 17:21

    Direi che ciò che innesca violenza è il patriarcato, molto molto prima dell’avvento del capitalismo la violenza sulle donne era presente esattamente allo stesso modo. Forse si potrebbe dire tranquillamente che il capitalismo è un frutto naturale del patriarcato ma dire che è il capitalismo ad operare la violenza…beh, mi sembra alquanto azzardato.

    • antigonexxx permalink*
      9 marzo 2011 18:50

      Perchè azzardato?E spiegami anche, perchè mi interessa molto, su cosa fondi la tua opinione che la violenza sulle donne prima del capitaliso era presente “allo stesso modo”…è su uesta uguaglianza che nutro molti dubbi…

  6. varvarapetrovna permalink*
    9 marzo 2011 19:18

    Non so nulla di nascita del capitalismo, ma sono d’accordo con Antigone quando dice che tra i fattori dell’aumento della violenza contro le donne oggi qui e ora è anche l’immagine che della donna viene fornita dai media che sfruttano le ragioni economiche del consumismo e dunque del capitalismo. Credo fosse questo il punto del post. Non si tratta di stabilire se è nato prima l’uovo o la gallina si tratta di rendersi conto che c’è un trend costante e subdolo nella nostra società trasmesso in primis dalla pubblicità e dai media che in generale che oggettivizza la donna, il suo corpo e il suo ruolo. Come dice Naomy Wolf in “The Beauthy Mith” e come risulta evidente (basta sfogliare una qualsiasi rivista o accendere la tv) le donne nelle pubblicità sono rappresentate attraverso due modalità. 1. sadomasochismo, ovvero la donna è oggetto di un’atteggiamento sadico e sessualmente prevaricatore attuato da uno o più uomini, 2. pornografia soft: la donna è rappresentata in atteggiamenti fortemente provocanti come un oggetto sessuale ad uso sempre degli uomini. E queste modalità vengono impiegate anche per le pubblicità rivolte alle donne. Questo tipo di rappresentazioni non condizionano il modo in cui uomini e donne si vedono e nel modo in cui rappresentano se stessi e l’altro sesso?

    • Paolo1984 permalink
      9 marzo 2011 21:57

      le violenze contro le donne ci sono e sono molte anche in quelle aree del mondo in cui non si vedono donne provocanti in tv nè in pubblicità nè altrove perchè ritenute “immorali”. Pensare che senza quelle pubblicità le violenze diminuirebbero mi pare alquanto ingenuo
      Poi un conto è una donna provocante che pubblicizza un reggiseno push up o un profumo, o un metodo anticoncezionale che sono prodotti legati al corpo e all’eros, un altro conto è quando questa erotizzazione viene utilizzata per pubblicizzare qualcosa che nulla ha a che fare col corpo e con l’erotismo. Poi se uno spot pubblicitario è ritenuto lesivo della dignità (come quello di Dolce & Gabbana mostrato qui che è in effetti una schifezza) si può segnalarlo allo IAP.

  7. 10 marzo 2011 00:25

    la violenza sulle donne esiste da sempre e sono certa che antigone questo non lo sta mettendo in dubbio (conoscete la tragedia di sofocle vero?).
    credo che il punto sia questo: le pubblicità (capitaliste) riprendono il messaggio (sessista) del potere dell’uomo sulla donna. le pubblicità inventano poco: è di più sicuro impatto sfruttare messaggi latenti già esistenti nella società. la violenza di genere è tra questi messaggi (sottolineo il dato statistico riportato da antigone: la violenza sulle donne è un fenomeno in aumento, in italia e in tutta europa). quindi le pubblicità riprendono la violenza e la rendono comunicazione di massa. la trasformano in qualcosa che faccia tendenza, stimoli il consumo, si presenti trendy, scintillante, che si faccia guardare. la violenza diventa da socialmente latente a socialmente accettabile. quello che secondo me è centrale è che le pubblicità (capitaliste) vendono non solo il messaggio (sessista) ma anche l’oggetto del messaggio, cioè le donne. “chi consuma si consuma”, dicono, ma anche le consumate non se la passano bene. il consumismo consuma le donne.

    • Paolo1984 permalink
      10 marzo 2011 00:58

      Insisto: affermare che la pubblicità e i media siano la causa della violenza sulle donne è quantomeno ingenuo (e sto usando un eufemismo) ed è anche pericoloso:, un domani uno stupratore seriale potrebbe affermare: “non è colpa mia, è colpa di queste donne sexy degli spot , mi hanno fatto impazzire”, signore, se un uomo uccide la sua ex non è perchè ha visto troppa tv, è perchè non vuole accettare che l’amore può finire, è perchè non accetta di perdere ciò che aveva, è perchè vede nell’altro un mezzo e non un fine..e questo non è colpa della tv, ma è colpa dell’uomo in questione, è colpa sua, nient’altro che sua.
      Che poi in tv ci sono fior di fiction e soap in cui le donne sono soggetto desiderante e desiderato, ci sono donne giovani e vecchie, grasse e magre, belle e meno belle, donne medico avvocato, soldato, poliziotto giudice, presidente degli Stati Uniti, donne buffe, donne serie, donne simpatiche, antipatiche, sexy, ironiche, fragili, forti, buone, cattive, dolci, meno dolci, etero, gay, bianche nere asiatiche, donne che salvano o vengono salvate e vedo la stessa varietà nei personaggi maschili.
      Che sia giusto battersi contro il sessismo di certa tv generalista italiana e di certi spot ok, ma io voglio un mondo in cui ciascuno si assume la responsabilità delle proprie azioni: se uccido e sono capace di intendere e di volere la colpa è mia e non della televisione.

      • antigonexxx permalink*
        10 marzo 2011 10:45

        Caro Paolo, se leggessi un po’ più attentamente comprenderesti che nessuno ha detto che la pubblicità causa la violenza, ma che la pubblicità la legittima e la rende socialmente accettabile. Capisci che c’è una differenza sostanziale tra le due cose, o no?Non c’entra la responsabilità individuale del singolo che uccide, ma la responsabilità sociale di una pubblicità che è connivente con quell’omicidio. Mi sembra che i tuoi discorsi tentano a banalizzare un discorso che in sè è molto preciso e per nulla generico come il tuo. Tu dici, in tutti i tempi c’è stata violenza, in tutti i luoghi c’è discriminazione, se uno uccide la società non c’entra niente etc etc etc, e allora, spiegaci tu il dato: come mai la violenza sulle donne è in aumento?Illuminaci
        @isaroseisarose: grazie del contributo. Hai colmato in modo perfetto le lacune del mio post il cui senso, grazie a te, ora dovrebbe essere più chiaro. Speriamo 😉

      • Paolo1984 permalink
        10 marzo 2011 12:45

        “Pubblicità connivente con gli omicidi”…ti rendi conto vero che se si dovesse applicare questo discorso all’arte allora qualcuno potrebbe voler vietare Il Padrino perchè “connivente con la mafia” (nel film c’è una presunta mafia “buona” incarnata dall’anziano Vito Corleone e una più spregiudicata che sarà portata avanti dal figlio Michael) oppure qualcuno potrebbe affermare che Pretty Woman o Sin City sono forme di “induzione alla prostituzione” o che un film come “Il giustiziere della notte o “Kill Bill” giustificano la vendetta privata e quindi vanno censurati. Discorsi come questo mi farebbero rabbrividire.
        Finchè si rimane sulla pubblicità che non è arte, ma comunicazione commerciale, posso essere parzialmente d’accordo con te (infatti esiste lo IAP per segnalare le pubblicità che si ritengono lesive della dignità delle persone) ma solo finchè si rimane nell’ambito pubblicitario e della tv generalista.

        • antigonexxx permalink*
          10 marzo 2011 14:01

          e infatti parlavo di pubblicità…che c’entrano i film, che c’entra l’arte…ma di cosa stai parlando…mi pare che vaneggi…fai discorsi su discorsi che non c’entrano nulla con quello che è stato detto…il nostro blog è fatto per avviare dei dibattiti seri su temi che noi proponiamo. Il suo intento non è quello di dare a Paolo1984 la possibilità di tergiversare su qualunque questione gli passi per la testa, priva di qualunque connessione con l’argomento dei post. E con questo chiudo, visto che non hai intenzione di discutere in maniera seria e costruttiva…

        • Paolo1984 permalink
          10 marzo 2011 14:27

          Mi sono solo preoccupato di cosa potrebbe succedere se le accuse di “connivenza” si spostassero dalla pubblicità ad altri campi..se le mie preoccupazioni sono infondate e sono “vaneggiamenti” tanto meglio così.
          Chiedo scusa se ho rotto le scatole.

  8. 10 marzo 2011 09:28

    Concordo in pieno con l’articolo di Antigone. E’ evidente che la violenza sulla donna, uno dei frutti – il più atroce – della sua condizione subordinata nel dominio maschile è una costante di tutte le società umane, quasi ab origine patriarcali. Resta il fatto che Antigone ha messo giustamente in luce alcune modalità dell’esercizio e della propagazione del dominio maschile proprie delle moderne società capitalistiche occidentali. Mi sembra che i media abbiano oggi da noi parte importante nel perpetuare il sessismo e la subordinazione della donna, alla pari di altre istituzioni come chiesa, stato, scuola, famiglia, quelle insomma messe in evidenza da Bourdieau nel suo splendido saggio. Negare il forte impatto dei media nel modellare l’immaginario significherebbe sconfessare in blocco centinaia di studi di sociologia delle comunicazioni di massa.
    Resta l’altro tema che è quello del consumismo. Mi sembra un aspetto molto importante. Ritengo che uno dei freni apportati alle grandi lotte per l’emancipazione femminile e per il superamento delle gabbie di stereotipi sessisti che soffocano la libera espressione della persona incasellandole in un genere dalle caratteristiche predefinite, sia stato proprio il consumismo di cui si nutre il capitalismo per sopravvivere e crescere. Basti pensare all’industria della cosmetica, della moda, della chirurgia estetica, fino alle riviste e prodotti “femminili” o “maschili”. Come ha messo in evidenza Loredana Lipperini in “Ancora dalla parte delle bambine” c’è stato un incremento accentuato dei prodotti destinati a un certo sesso, il ritorno al rosa e all’azzurro per intenderci, dopo le lotte degli anni ’60 e ’70 che sembravano aver cambiato le cose. Il capitalismo si nutre delle discriminazioni, degli stereotipi, serve creare bisogni e inadeguatezze per espandere il mercato.
    Per non parlare del business dell’industria del sesso, che vede le donne stesse essere il prodotto da smerciare e che notevoli studi mettono in evidenza essere ormai voce strutturale dal fatturato stratosferico del capitalismo neoliberista globalizzato.
    Un altro motivo di freno, secondo me, al processo di cambiamento è la nuova condizione del mercato del lavoro sempre più precaria e contenporaneamente la crisi economica. Il capitalismo neoliberista vuole abbassare sempre più il costo del lavoro, tornando indietro rispetto alle conquiste dei lavoratori. E’ chiaro che il processo di affermazione della donna nel campo del lavoro – che è stato uno dei fattori di cambiamento più sostanziali – rischia così di frenarsi. Ne ho prova già vedendo le vicende delle mie amiche, che spesso hanno perso il lavoro in coincidenza con una maternità. Con meno lavoro e meno servizi sociali c’è gioco forza un’uscita delle donne dal mercato del lavoro, come dimostrano le preoccupanti statistiche italiane.

    • Paolo1984 permalink
      10 marzo 2011 12:13

      “industria globale del sesso” peccato che nel tuo blog metti sullo stesso piano la pornografia e la prostituzione…dimenticando che attori ed attrici hard non si prostituiscono.
      Ti consiglio di informarti su Erika Lust ed Annie Sprinkle, due donne che invece di condannare la pornografia hanno preso quell’immaginario e l’hanno innovato in senso non maschilista (nel caso di Erika Lust si parla addirittura di porno femminista) non per cancellare ciò che già c’è ma per aggiungere qualcosa di diverso.

    • Paolo1984 permalink
      10 marzo 2011 12:49

      E ti consiglio di informarti anche su Carla Corso e Pia Covre, a proposito della prostituzione
      che per me resta una cosa estremamente triste (per me il sesso si fa con chi ti piace, non con chi ti paga), ma non immorale se praticata da adulti consenzienti.

      • 10 marzo 2011 14:23

        Sei tu che dovresti informarti. L’industria del sesso comprende prostituzione, pornografia e turismo sessuale. Non sono certo la stessa cosa, ma compongono un business miliardario, basato per la quasi totalità sull’utilizzo del corpo femminile e su un’idea di sessualità femminile come “di servizio” e di quella maschile come di uno sfogo unidirezionale, invece che relazione di reciproco piacere anche solo fisica. Altro che libertà sessuale!
        Conosco Erika Lust, ma resta il fatto che la quasi totalità della pornografia è perpetuazione di stereotipi sessisti e del ruolo sessuale della donna come oggetto di piacere, quando non si fa addirittura apologia dello stupro.
        Per quel che riguarda Carla Corso e Pia Covre, le conosco benissimo. A prescindere dalla condivisibilità o meno di tutte le loro opinioni, una cosa è certa: non devi dire a me che la prostituzione non è immorale! Che la morale non c’entri nulla, è fin troppo chiaro da quello che ho scritto nel blog. Per me la prostituzione è una trappola per le donne e persino schiavitù, oltre che limitazione della loro soggettività sessuale. Prostituzione è soprattutto un giro miliardario e criminale, come affermano tra l’altro le stesse Corso e Covre che conoscono benissimo la tratta delle donne e ne parlano spesso. Ma una cosa è certa: la morale non c’entra nulla, né la dignità, almeno non quella di chi si prostituisce (semmai di chi paga). Al limite è una questione etica: di chi si arricchisce in traffici criminali basati sullo sfruttamento sessuale.

        • Paolo1984 permalink
          10 marzo 2011 14:58

          infatti che esiste la prostituzione coatta e la tratta e che va combattuta lo so anch’io, su questo e anche sul fatto che è ingiusto che una donna incinta perda il lavoro sono d’accordo con te, per esser chiari.
          E, sempre per esser chiari, la prostituzione non c’entra nulla nemmeno con la mia idea di libertà sessuale che appunto non prevede compenso monetario.
          Non sono un fan del porno e per masturbarmi di solito penso alle scene d’amore di soap opera o pellicole non pornografiche, ma se uno (o anche una, perchè mai una donna non potrebbe essere interessata o incuriosita dal porno?) vuole sfogarsi sessualmente davanti ad un porno io non lo giudico, tra l’altro mi risulta che alcune coppie li guardino per divertirsi e trarre “ispirazione” e non vi è nulla di male neanche in questo, tra le lenzuola si fa quel che si vuole tra maggiorenni consenzienti
          Parlando di Erika Lust ed Annie Sprinkle volevo dimostrare che, senza condannare il porno pre-esistente, “un’altra pornografia è possibile”. Se non l’hai fatto ti consiglio pure di guardare Boogie Nights-l’altra Hollywood di P.T. Anderson
          Che l’immaginario porno sia per la quasi totalità maschile eterosessuale e maschilista lo ritengo sbagliato, pure una donna e anche i gay d’ambo i sessi hanno il sacrosanto diritto di masturbarsi davanti ad un porno, se lo desiderano. Anche per questo ho parlato di Lust e Sprinkle.

    • antigonexxx permalink*
      10 marzo 2011 14:03

      Grazie Valentina S. del tuo contributo 🙂

  9. 10 marzo 2011 16:35

    ringrazio anch’io Valentina S., mi sono resa conto solo dopo aver scritto che le “consumate” del consumismo era un concetto che avevo in mente grazie al contatto che avevamo avuto tempo fa con il tuo bel blog Consumabili. Come procede il tuo lavoro? Spero bene, teniamoci in contatto. In bocca al lupo e grazie.

    • 10 marzo 2011 20:51

      Grazie a te! Be’, il blog purtroppo in questo periodo l’ho lasciato un po’ fermo perché è stato un periodo di fuoco e sono stata anche senza internet! Sto continuando sempre a leggere e approfondire e conto di riprendere presto. Certo che ci teniamo in contatto!

  10. paola permalink
    10 marzo 2011 17:36

    Dunque, vediamo se ho capito bene questa volta. La pubblicità che deve vendere le merci prodotte, utilizza un messaggio che è già da sempre patrimonio negativo dell’umanità: la subordinazione delle donne, il loro essere a disposizione della prevaricazione maschile in qualsiasi forma essa si eserciti. Bene, e lo fa oggi, in un contesto culturale in cui, sul piano socio-economico e sul piano del diritto, questo messaggio è scorretto ed in controtendenza storica. Come se quanto è stato cacciato dalla porta della storia ad opera delle trasformazioni di lungo e breve periodo, insomma ad opera dei fatti che sono intervenuti negli ultimi due o tre secoli, sul piano dell’assetto socio-economico-giuridico delle società di tipo europeo, e che fuori dalla porta dovrebbero restarsene, fossero invitati a rientrare dalla finestra attraverso il piano dell’immaginario mediatico, che va a ripescare tutto ciò che pensavamo la cultura di massa dovesse aver superato, e che invece ci viene ricucinato, allo scopo di vendere facendo leva sugli aspetti culturali priomordiali, invece che su quelli più attuali. Giusto? Allora concordo, e aggiungo pure che questa operazione di recupero e di riproposizione di un immaginario vetusto, che dovrebbe fare a pugni con la realtà vissuta, ripeto con la realtà vissuta sul piano dell’assetto socioeconomicogiuridico, è un’operazione molto pericolosa e nefasta, perché potrebbe preparare il terreno ad un ritorno indietro anche proprio su quei piani della realtà. E in un altro momento storico qualcosa del genere è già accaduto. Alla prossima.

  11. 13 marzo 2011 23:59

    Come si fa a protestare per farla bloccare! è evidente l’istigazione all’odio sessissta; degradante x donne e uomini. Come uomo mi sento offeso ed umiliato rispetto a mia figlia!

  12. lucrezia permalink
    29 giugno 2011 20:01

    A seguito dei 2 femminicidi/uxoricidi commessi in Veneto, quello di una marocchina da parte di un marocchino e di un’italiana da parte di un italiano, posto il link a questo interessante commento:

    http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2011/29-giugno-2011/armati-immaturita-affettiva-violenza-mariti-assassini-190976870004.shtml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: