Skip to content

Curatevi!

15 marzo 2012

La differenza tra donne e uomini è una differenza di tipo biologico. Trattandosi di un essere sessuato, sono previsti due sessi che rendano possibile la riproduzione. Per il resto, sia dal punto di vista fisiologico che somatico maschi e femmine sono più o meno uguali, funzionano per lo più nello stesso modo. Spesso si sostiene che la differenza di genere, non sarebbe basata solo ed esclusivamente sulla differenza biologica, ma proprio a partire da questa base biologica si svilupperebbero caratteristiche per così dire “psicosomatiche” che distinguerebbero le donne dagli uomini. Attitudini, preferenze, caratteri tipici, si pensa esistano come dei modelli, uno maschile e uno femminile. Modelli che dovrebbero in qualche modo dare indicazioni sul comportamento, sull’indole.

A partire dal fatto che biologicamente è la donna che porta a compimento – attraverso gestazione e parto –  l’atto riproduttivo, si è tradizionalmente ritenuto che la principale caratteristica distintiva della donna fosse quella di possedere la capacità “innata” di prendersi cura (di sé e degli altri). Va da sé che a fronte di questo carattere essa sia il soggetto maggiormente indicato per svolgere i ruoli che si basano sul concetto di cura degli altri. Ruoli a cui sembrano invece esclusi “per essenza” gli uomini.

Chi estremizza questo ragionamento afferma poi che alle donne sarebbero proprie qualità o emozioni quali la pazienza, la capacità di mediare, mentre all’uomo competerebbe la maggiore capacità di dedicarsi al ragionamento astratto, all’azione, la forza, caratteristiche segnate da una maggiore “attività”. Coloro i quali sostengono tale posizione tuttavia cadono in fallo poiché attribuiscono alla donna caratteri che ne denotano la passività, appunto la pazienza, la sottomissione ecc, cosa che tuttavia stride con l’idea del “prendersi cura” che sembra invece un’attività eminentemente attiva.

È evidente inoltre che un certo femminismo ha sentito la necessità di porre e determinare una sorta di specificità propria della donna che rappresentasse in qualche modo la rivendicazione di uno spazio, anche di azione. Tuttavia, ad oggi, è legittimo chiedersi se questa visione non sia controproducente e se sia proprio questo lo spazio che vogliamo.

Non è un’ulteriore giustificazione al mantenimento dello status quo? Non si rischia di “relegare” le donne ad un ruolo a cui sono costrette già da secoli?

Sembra che il ragionamento che sta sotto questa idea sia il seguente: se le donne sono state destinate pressochè per secoli al ruolo di cura, allora vorrà dire che esse sono “biologicamente” destinate ad esso, vuol dire che esse sono diverse dagli uomini anche in base a certe attitudini e caratteristiche che gli uomini non hanno.

Questa sorta di ragionamento all’inverso è impiegato a partire da quel presupposto fondamentale, ovvero l’identificazione della donna con il corpo e per estensione con la funzione riproduttiva e generatrice.

Perciò anche una proposta teorica come quella che si basa sul concetto di “cura”, che è stata impiegata e viene impiegata anche oggi, con lo scopo di legittimare la figura e il ruolo della donna, sembra ricondurre la donna a quello che la società patriarcale imporrebbe.

Credo che questa teoria o una sua forma meno implicita, sia ciò che in realtà la maggior parte delle donne in qualche modo accetta.

Ora se anche l’esistenza dell’istinto materno è stata abbondantemente messa in discussione, è ovvio che caratteristiche come la pazienza, la cura non sono appannaggio delle donne più che degli uomini ed è evidente che il fatto che la donna sia stata costretta ad un certo ruolo non significa che quel ruolo le sia “biologicamente” consono e che le debba piacere.

Annunci
5 commenti leave one →
  1. 15 marzo 2012 19:06

    La differenza tra donne e uomini è una differenza di tipo biologico […] è ovvio che caratteristiche come la pazienza, la cura non sono appannaggio delle donne più che degli uomini ed è evidente che il fatto che la donna sia stata costretta ad un certo ruolo non significa che quel ruolo le sia “biologicamente” consono e che le debba piacere.

    Sulla conclusione, cioe’ che un certo ruolo debba (o non debba) piacere, fatto piu’ che legittimo, sono d’accordo. Su tutto il resto un po’ meno.
    Premetto che ho a cuore la condizione della donna esattamente come te e come molte che seguono questo blog. Tuttavia non posso fare a meno di notare nell’articolo degli errori di base da cui poi ne derivano conclusioni che potrebbero essere del tutto fuorvianti. Non avendo tempo, pero’,di spiegare da capo in cosa consistono le incongruenze fra la tua visione riguardo alle “non differenze” fra i generi e la mia visione che invece vede una certa differenza di tipo quantitativo, ma non qualitativo, fra maschi e femmine, ti invito a leggere cio’ che ho gia’ scritto in altra occasione: un lungo articolo diviso in tre parti che spero potra’ contribuire alla discussione (per chi avra’ la pazienza di leggerlo tutto).

    1 parte – http://chiara-di-notte.blogspot.com/2011/09/perche-le-donne-sono-uno-scopo-e-gli.html
    2 parte – http://chiara-di-notte.blogspot.com/2011/09/perche-le-donne-sono-uno-scopo-e-gli_27.html
    3 parte – http://chiara-di-notte.blogspot.com/2011/10/perche-le-donne-sono-uno-scopo-e-gli.html

  2. Valentina Ricci permalink
    15 marzo 2012 19:45

    Personalmente non mi trovo d’accordo con un certo riduzionismo evoluzionistico, e con questo intendo dire due cose: la prima è che qualunque spiegazione che riconduca un fenomeno estremamente complesso ad un unico ordine di considerazioni (siano esse di carattere evoluzionistico, economico, storico, psicanalitico ecc.) è, a mio avviso e per ovvi motivi, destinata a non cogliere quella complessità.
    In secondo luogo, ritengo che se pure non si possa negare che uomini e donne, in quanto animali prima di tutto, possano essere spiegati in termini biologici ed evoluzionistici, allo stesso tempo non si possa ignorare il ruolo determinante dei punti di vista antropologico, sociologico e anche, perché no, politico. Ossia, ritengo che una parte importante del lavoro sia quella di capire – con strumenti che trascendono, evidentemente, le possibilità delle scienze naturali – in che modo, data una specifica base biologica, si siano sviluppate determinate dinamiche sociali e non, piuttosto, altre (altrettanto probabili). Una spiegazione del tipo “Perché era il comportamento più adatto ai fini evolutivi” mi lascia, personalmente, insoddisfatta: per me equivale a dire che è andata così perché evidentemente (a partire dall’osservazione dei risultati che quei comportamenti hanno prodotto) era bene che andasse così; la trovo fondamentalmente tautologica.

    La cosa per me importante, e che questo post brillantemente mette in luce, è la ricerca del perché ci siamo sviluppati nel modo in cui ci siamo sviluppati, e il conseguente immaginare/inventare/sperimentare un modo diverso di stare al mondo, proprio a partire dal rifiuto di una considerazione “biologica” “oggettiva”.

    Come osservava Simone de Beauvoir ne “Il secondo sesso”, noi non siamo soltanto vita (= biologica, naturale): siamo anche e soprattutto esistenza. E se pure la natura ha imposto alla donna il peso della specie, privandola di un rapporto con un corpo che non è mai solo suo, e rendendole perciò ardua l’impresa di viversi soltanto come individuo – cosa invece concessa all’uomo – altra, o meglio tutt’altra cosa è l’esistenza che la donna stessa ha legittimità di costruire a partire e anche in opposizione alla sua condizione naturale.

  3. Mirella Izzo permalink
    16 marzo 2012 13:33

    E Mah… continuo a pensare che le persone più adatte a differenze tra uomini e donne e distinguere le differenze di predisposizione naturale e quelle di origine culturale siamo noi transgender. Certo non modifichiamo la genetica ma sicuramente invertiamo totalmente il predominio ormonale. Si aggiunga che ormai 3 studi scientifici hanno dimostrato che le persone trans hanno corpi di un sex ma attivazioni e morfologie cerebrali opposte al proprio sex di nascita, forse si dovrebbe dare un poco di ascolto alla nostra voce. Alcune predisposizioni esistono anche solo su base ormonale e non sono solo fisiche ed estetiche. Inutile paragonare uomini e donne diverse tra loro. Noi siamo la stessa persona che cambia prevalenza ormonale e quindi possiamo valutare le dfferenze sulla stessa persona. Ovvio che esistono donne più forti fisicamente di molti uomini ecc. E’ solo sullo stesso soggetto che si possono verificare differenze soggettive ed oggettive. Sono certa che alcune attitudini “maschlli” e “femminili” in realtà non esistano, altre si, esistono eccome!!! E’ un discorso complesso, difficile da discernere tra “nature” e “nurture” (o cultura). IMHO sono errate entrambe le posizioni. Sia di chi crede che le differenze siano tutte culturali (eccetto la differenza riproduttiva), sia di chi pensa che tutte le differenze o predisposizioni siano di origine culturale. Discorso lungo cui personalmente ho dedicato un libro che dovrebbe uscire prima della fine dell’anno. IMHO. Mirella Izzo, transfemmiista, translesbica

  4. Valentina Ricci permalink
    16 marzo 2012 18:40

    Grazie Mirella, quello che dici mi interessa molto, e so poco o nulla degli studi a cui ti riferisci. Mi piacerebbe approfondire: se avessi qualche lettura da consigliare – o se volessi farci sapere del tuo libro, quando uscirà – te ne sarei molto grata! Personalmente, come dicevo sopra, credo che i fenomeni complessi richiedano spiegazioni complesse, e quindi concordo con te sull’impossibilità di ridurre tutto a natura, o tutto a cultura. Grazie per l’intervento!

  5. 17 marzo 2012 00:07

    leggo e penso…siamo ancora qui a prendere consapevolezza della nostra indipendenza, forza, capacità di adattamento. Ma dico: anzichè dircelo, FACCIAMOLO! Ognuna cambi una piccola cosa nel proprio microcosmo….cambierà tanto. E poi cerchiamo anime affini alla nostra, con la stessa forza e la stessa consapevolezza. Con la voglia di cambiare qualcosa. Io ci credo…e provo ogni giorno a viverla così. Coltiviamo l’affinità! Un abbraccio:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: