Skip to content

Una legittima necessità?

19 dicembre 2012

Ripubblichiamo anche qui la traduzione di un articolo apparso sul blog Secret Diary of a Dublin Call Girl. Il blog è curato da una donna che lo presenta così: “Per 4 o 5 anni sono stata una call girl / escort / prostituta a Dublino. Questo è il luogo dove ho la mia voce, dove posso dire la verità”. Speriamo che questo possa contribuire all’approfondimento di un dibattito che, ultimamente, vede intervenire perlopiù le attiviste cosiddette pro-sex. Una delle ragioni è che in italiano c’è ancora poco materiale che faccia chiarezza sulle caratteristiche della sex industry. Questo vuole essere un piccolo contributo. 

La traduzione è a cura di Gabriele Lenzi, ed è stata pubblicata originariamente sul blog Consumabili, curato da Valentina S. 

AnnaWas14C’era questa faccenda di AnnaWas14 su Twitter l’altro giorno e stavo facendo il mio accesso settimanale/mensile per curiosare su Twitter quello stesso giorno. Non sapevo di questa faccenda, ma sono finita a guardare alcune delle cose dette.

Oh rete. Ti amo e ti odio nella stessa misura.

Una cosa che qualcuno aveva detto mi ha davvero irritata. Era qualcosa più o meno come: “Criminalizzare una legittima necessità nella comunità non è un beneficio per nessuno.” O qualcosa con questo significato. Una formula accattivante, devo dirlo.

Mi ha veramente, profondamente irritata.

Gli orgasmi non sono una legittima necessità. Mi è già capitato di fare questa puntualizzazione. Gli orgasmi sono il motivo per cui gli uomini incontrano le escort. Non ci vanno per la personalità attraente della prostituta o per la conversazione accattivante che può nascere o per l’atmosfera dell’ambiente in cui lei li accoglie. Ci vanno per fare sesso. Possono anche, incidentalmente, essere tristi, soli, patetici, qualsiasi cosa, ma ci vanno per fare sesso. Fine della storia. Possiamo per favore almeno superare questo punto, prima di tutto. Il sesso è il motivo per cui esiste la prostituzione. La prostituzione vende sesso. Gli uomini vogliono sesso.

Chiarito questo, sto presumendo che questa persona deve pensare che il sesso in sé sia una “legittima necessità”.

No.

Il sesso non è una necessità. Non è un diritto umano. Il cibo è una necessità. L’acqua è una necessità. Se non ci procuriamo cibo o acqua moriamo. Se non ci procuriamo sesso moriamo. Ah no aspettate, non è che moriamo, semplicemente si è frustrati. Poi ci si abitua. E se il sesso è una “legittima” necessità, che cos’è una “illegittima” necessità mi chiedo? E perché questa “necessità” è solo per gli uomini? Senz’altro se il sesso è una “necessità” allora anche le donne devono necessitarlo regolarmente, per non consumarsi, così come sembra che capiti agli uomini. Eppure in qualche modo il mercato di prostituti non sta esattamente decollando. Gli uomini non vengono recensiti. La misura e la forma del cazzo degli uomini non viene discussa. Questa è divertente. Voglio dire: se il sesso è una necessità, perché queste cose non succedono?

Non ho fatto sesso per un lungo, lungo periodo, e molto tranquillamente sto bene. Ho un desiderio sessuale assurdo ma in qualche modo, in qualche modo, tiro avanti. Ho delle amicizie – sia maschi che femmine – che non hanno fatto sesso per anni. Siamo ancora vivi. Nessuna di queste persone si è consumata. Nessuna ha attraversato una furia omicida o stupratrice o ha intrapreso comportamenti depravati. Tutti i nostri organi sessuali sono ancora lì. Niente è marcito o si è staccato o ha chiuso bottega.

Ho anche sentito di gente che quando non può far sesso fa qualcosa. Com’è che si dice… desiderano avere un orgasmo ma non hanno partner o trombamici o cosaltro.

Ah sì. Si masturbano.

Si procurano un orgasmo da sé. Lo so. Geniale. La gente lo fa ogni volta che si rende conto che la loro “necessità”, il “diritto umano” all’orgasmo non è soddisfatto. Pretendere che i bordelli siano un’ottima cosa perché provvedono alla “necessità” degli uomini (un orgasmo. Stiamo parlando di un orgasmo, forse due) è l’argomento più ridicolo che abbia mai sentito.

Ma chi ha scritto questo tweet non stava semplicemente dicendo che il sesso è una necessità, no. Stava dicendo che pagare per fare sesso sia in qualche modo una necessità. Neanche ho una risposta a questo. Fare sesso o averne bisogno è una cosa. Pagare per farlo è una cosa completamente diversa. E’ un maledetto hobby. E’ “divertirsi un po’ ” nella pausa pranzo prima di andare a casa dalle loro mogli.

Qualcuno sembra pensare che le prostitute salvino le “altre” donne dallo stupro. Trattenetemi. Immagino che queste persone credano anche che sia impossibile stuprare una prostituta. Che tipologia di donne ci sarà mai per “salvare” la prostituta dallo stupratore? Gli stupratori stuprano. Stuprano le nonne e le adolescenti e le prostitute e le proprie mogli. Stuprano le donne. Stupratori e uomini che sono sfortunati nel settore delle relazioni sessuali sono due cose parecchio diverse. Ma non entro in questo perché se lo faccio potrei davvero consumarmi alla fine.

E quale sarebbe questa “comunità” di cui parla? Una necessità legittima nella “comunità”. Come una sorta di “centro sessuale” con finalità etiche. È come se pensasse che il bordello di “Shameless” fosse una rappresentazione realistica della realtà. Dio mio. Riesco a pensare ad alcune “necessità legittime” in diverse comunità. Di cosa hanno bisogno le comunità? Integrazione, comunicazione, un senso di comunità, stato sociale, supporto sociale per i senzatetto e i tossicodipendenti, centri per la salute, centri sociali per bambini, polizia, sicurezza, facile accesso al sesso a pagamento…

Scherzo. Le comunità ovviamente non hanno bisogno di bordelli per svilupparsi. Che idea ridicola. Che idea offensiva. Si tratta di una parola accattivante per rendere la formula accattivante. Rimanda a gente che vive insieme e lavora insieme, si aiuta a vicenda, consiglia Alisha la polacca a un amico cliente perché lei è così amichevole e non richiede costi extra. E’ questo il tipo di comunità a cui si sta riferendo? Perché non ho mai fatto parte di una comunità che “necessitasse” di un accomodante bordello locale.

Ugh.

8 commenti leave one →
  1. 19 dicembre 2012 19:16

    Un’altra detestabile affermazione è “la prostituzione c’è sempre stata”. Anche l’omicidio c’è sempre stato… Anche la schiavitù c’è stata per secoli e secoli, ed eliminarla è universalmente considerato un passo verso un mondo più civile.

  2. 20 dicembre 2012 21:29

    Non si può non vedere questo: http://www.youtube.com/watch?v=99dyQqsAoIw.
    Vecchio, su alcuni punti, ma sempre intelligente.

  3. alex permalink
    21 dicembre 2012 00:54

    ma se siete contrarie alla prostituzione senza se e senza ma dovreste esserlo anche contro la pornografia.

  4. Fma 35 permalink
    10 gennaio 2013 14:14

    Ridicola.Il sesso è una necessità.L’uomo per sua natura vuole riprodursi e visto che siamo persone civili (o alcuni di noi)l’essere umano non si comporta come gli animali che spesso stuprano membri della stessa specie per riprodursi.Il sesso è una necessità e leggendo l’articolo si capisce bene come la sua mancanza pregiudichi un corretto mantenimento della psiche.Manco le prositute uccidessero,a ‘sto punto proibiamo le sigarette,l’alchool (questi sono necessari?)visto che fanno del male al singolo a differenza di una scopata.

    • Valentina S. permalink
      10 gennaio 2013 14:26

      Bisognerebbe avere rispetto per chi ha scritto: una ex callgirl di Dublino che, a quanto pare, non ha a cuore le sorti dei proprietari dei bordelli quanto sembri averne tu.

  5. 10 gennaio 2013 18:02

    Fma, non diciamo stupidaggini per cortesia. Chi cerca sesso a pagamento non lo fa a fini riproduttivi. Questo pseudo-argomento degli istinti primitivi ha un po’ stancato, se permetti: se ogni azione potesse essere giustificata da un istinto che la provoca, pensa alla quantità di cose aberranti che potrebbero trovare giustificazione. Anche a tuo sfavore.

  6. Carmelo permalink
    14 agosto 2013 23:58

    Il sesso è una necessità eccome. L’astinenza provoca, come ampiamente dimostrato, disturbi psichici di vario genere. Si vive male anzi si vive di merda e si impazzisce. Il sesso dovrebbe essere un diritto oltre ad essere una necessità. Detto ciò, possano passare le pene dell’inferno tutti coloro che sfruttano le donne per farle prostituire, che alzano anche un solo dito su di loro, che non le trattano come dovrebbero essere trattate. viva la libertà, la differenza, l’amore ed il sesso ed al diavolo borghesi, moralisti e perbenisti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: