Skip to content

Partire da sé, ma dove andare?

15 luglio 2013

torno_subito

Partire da sé  come pratica politica  femminista, intesa come vera e propria assunzione di responsabilità nei confronti dell’altra, un porsi in ascolto autentico, un ascoltare incontrando l’identità e l’esperienza dell’altra. È inutile partire da sé, se poi si rimane a sé, se poi le relazioni e le prese di parola non sono sintonizzate nello sforzo di comprendere la specificità, l’esperienza, il vissuto, dell’altra persona inevitabilmente diversa da noi.  Il partire da sé è, appunto, il punto di partenza, chiediamoci dove vogliamo andare e se  vogliamo che  il nostro punto di approdo sia la costruzione di vere relazioni tra donne.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: