Skip to content

Renzi sex symbol

14 febbraio 2014

E poi il capitano, se vuole, si leva l’ancora dai pantaloni e la getta nelle onde

e chiama forte quando vuole qualcosa, c’è sempre uno che gli risponde.

– Francesco De Gregori, I muscoli del capitano

matteo-renzi-amici-maria-de-filippi

Delle vicende politiche italiane degli ultimi giorni si possono fare molte analisi. Uno dei temi, uno soltanto ma importante, è quella relativo alla virilità. Un elemento che come sempre i media replicano, moltiplicano, rendono epidemico senza analizzarlo davvero. Provo a cogliere qualche indizio, qualche segnale che hanno, spero, urtato tante come hanno urtato me.

Già il linguaggio con cui si stanno raccontando questi giorni è quello della lotta e degli ambienti maschili (il “fratricidio”, le “coltellate”, l'”ammutinamento”) ma in generale tutto il rapporto tra Letta e Renzi – fino ad arrivare alla scelta finale di ieri da parte della direzione Pd – hanno l’atmosfera intollerabile di una lotta muscolare tra due maschi in rivalità. E due maschi in competizione si danno spesso colpi sotto la cintura femminilizzandosi l’un l’altro (massimo dell’umiliazione!). Renzi non ha dato del frocio a Enrico Letta, questo no, ma il palesemente minaccioso hashtag #enricostaisereno, lanciato da Renzi in diretta tv, riecheggia le raccomandazioni irritanti e umilianti che si è soliti rivolgere alle donne: non ti preoccupare, stai calma. Non a caso Gramellini oggi nel suo Buongiorno scrive una finta lettera di Matteo Renzi: «Cara, ti scrivo nel giorno degli innamorati perché è arrivato il momento di uscire dalla palude e aprire una pagina nuova. […] Buon San Valentino e mi raccomando, Enrica: stai serena». Anche il padre di Matteo Renzi gli infonde genealogicamente audacia calcistica, alla Nino-non-aver-paura, un audere semper: «Anche se fossi ciecamente convinto che mio figlio stesse assumendosi un rischio elevatissimo, mai e poi mai suggerirei di rifiutarsi di battere un calcio di rigore per paura di sbagliarlo». Un anziano papà sugli spalti dello stadio fiero del suo campioncino in procinto di diventare un valoroso goleador. Renzi sfida la sorte, guida il cambiamento, si affida alla sua natura di maschio velocista su cui si innesta anche tutta la sua retorica dei “giovani”, della “rottamazione”, del “cambiamento”: «il rischio si assume con il vento in faccia», ah, «l’ambizione smisurata» ah-ah, che lui stesso si attribuisce, il sintomo inequivocabile dell’eroe giovane e forte. E maschio. Quanto maschio. Stiamo assistendo «una partita tra uomini e per uomini» (Lea Melandri) in «un clima da ragazzi del muretto» (Lucia Annunziata), è vero, ma è anche una seduzione collettiva, «qualcosa di biologico, di pre-politico, di naturale», intuisce oggi Ezio Mauro su Repubblica – e le donne? le donne aspettano: sono già informato che saranno “molte” nei ministeri e intanto ricordano a tutti di essere donne, di essere rosa, di avere una dignità da difendere «contando meticolosamente di quante parolacce sono vittime» (Ida Dominijanni). Questa lista abbozzata temo potrà diventare molto lunga nel prossimo futuro. Al linguaggio pubblico della sessualità maschile viagra-soldi-bunga-bunga abbiamo sostituito quello della sessualità vincente-macha-bulla. Il giochino è il solito: se fosse stata una donna a fare quello che ha fatto Renzi in questi ultimi giorni? Ma impossibile. Il marchio di virilità è assoluto, il giudizio politico sarebbe stato implacabile.

5 commenti leave one →
  1. 15 febbraio 2014 12:46

    Analisi interessante, potrebbe essere un miglioramento che sposta perlomeno il rapporto con il principio femminile originario da “oggetto da dominare con violenza” a “soggetto debole da indirizzare e guidare”? Mi rendo conto che è davvero poca cosa però…😉

    • 18 febbraio 2014 16:11

      @mattei_manu, soprattutto se ci rifletti la donna come “oggetto da dominare con violenza” e la donna come “soggetto debole da indirizzare e guidare” sono due facce della stessa medaglia. la violenza può nascere nel momento in cui ci si trova di fronte all’autonomia e dunque all’attività di quello che si credeva soggetto passivo.

  2. paolam permalink
    15 febbraio 2014 17:42

    E’ la Restaurazione, anzi, è l’Iper-Restaurazione, casomai non ci fosse bastata fino ad oggi: renzi è solo uno strumento, il più adatto all’occasione.

  3. piera permalink
    18 febbraio 2014 15:34

    grazie. questa tua ‘visione’ aggiunge qualcosa e da un senso a queste vicende squallidamente extra convivium

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: